CHI SIAMO : 

Storia dell’ H-DIC

Chi ?   Cosa ?   Dove ?   Quando ?   Perchè ?

Cinque domande che tutti i soci anziani dell’H-DIC, ancora oggi operativi, si sono posti e cinque risposte sempre uguali che ci siamo dati in occasione di assemblee, raduni, feste ed incontri vari. Ma quello che più  conta è che oggi i nuovi soci si pongono le stesse domande e si danno le medesime risposte. E’ un dato fondamentale che vuol dire coesione ed omogeneità. Sono parole che spesso sentiamo dire e che hanno un valore molto importante, sopratutto, quando si uniscono alla triade di Amicizia, Stima e Rispetto reciproco che ha fatto si che il nostro sia un club formato da amici sia a livello nazionale che europeo.

  • CHI: H-DIC, Harley-Davidson Italian Club (=NOI), un gruppo di amici per i quali i concetti poc’anzi espressi, si uniscono ad una passione in comune: l’Harley-Davidson, che vogliamo vivere nel pieno rispetto dell’uomo e della natura nel suo ambiente, comunque salvaguardandoci da tutti i possibili agenti esterni inquinanti la serenità e l’autonomia della nostra collettività. Degli amici che hanno il piacere di stare insieme senza secondi fini e che si aiutano nei momenti difficili formando “squadra”.
  • COSA: un club monomarca, nato da un gruppo di amici residenti in Regioni diverse, lontani tra di loro centinaia di chilometri ma vicinissimi nello spirito e negli ideali. Un club senza alcuna preclusione a viaggiare e condividere piacevoli giornate e divertenti serate con altre realtà motociclistiche, godendo di tutto ciò e comprendendo la pluralità di idee e di scelte.
    L’H-DIC concepito e organizzato in modo federale, consta di un Consiglio di Presidenza Nazionale, con incarico triennale eletto dall’ Assemblea Nazionale dei Delegati, e da Consigli Regionali, uno per ogni Regione legalmente costituita, anche essi con incarichi triennali, a loro volta eletti dall’Assemblea Regionale dei soci.
  • DOVE: opera sul territorio Italiano, con particolare riferimento alle Sedi Regionali esistenti oggi: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Lazio, Campania, Puglia e Calabria. Tutte realtà geografiche con usi, costumi e consuetudini differenti e ampiamente autonome, le une dalle altre, nella loro gestione ma profondamente unite dagli obbiettivi comuni da perseguire. Inoltre l’H-DIC è presente sul territorio europeo grazie alla FH-DCE (Federation Harley-Davidson Club Europe) di cui siamo membri dal lontano 16 novembre 1996.Quindi, una bella famiglia all’interno di un’altra famiglia ancora più grande che conta circa 60 club, per un totale di svariate decine di migliaia di soci sparsi in tutta Europa.
    Insomma una bella realtà ove si trovano amici ovunque, dalle fredde e poco assolate Norvegia, Svezia e Finlandia, partendo dal nord Europa, sino ad arrivare alla nostra bella Italia, unita da una grande e consolidata unione con gli amici greci dell’H-DC Hellas. Una grande comunità ove la parola “fratellanza” ha un significato reale.
  • QUANDO: nato a Bologna l’ 11 dicembre 1994, quando stanchi di mille problemi che ci venivano posti e riproposti dalla dirigenza del vecchio club cui appartenevamo ove i concetti di Amicizia e Democrazia non erano contemplati, il sottoscritto assieme ad alcuni amici decidemmo che fossero maturi i tempi per creare una struttura democratica, legalmente riconosciuta e di NOSTRA PROPRIETA’ (di tutti i soci regolarmente iscritti).
  • PERCHE’: quello che più conta per noi tutti H-DIC è l’Amicizia, la Stima ed il Rispetto reciproco  in tutte le sue forme e infinite variabili. L’H-DIC è nato, ha operato ed è cresciuto basandosi su questi concetti che sono di fondamentale importanza ma che prevedono uno stadio primario che è quello del Dare…non si può pretendere di ricevere Amicizia, Stima e Rispetto se prima non si donano. La crisi che l’uomo , oggi, stà vivendo è provocata dal deterioramento dei rapporti umani, dalla mancata accettazione dell’esistenza del prossimo nella sua completezza di essere umano pensante e quindi nell’affermazione del proprio egoismo, volto a calpestare gli ideali e le realtà della vita altrui. I confini di questi concetti li riteniamo illimitati ed applicandoli all’interno del nostro club li estendendiamo a tutti coloro che pur non appartenendo alla nostra famiglia, hanno la volontà di comprenderli e di condividerli.
    La società attuale in cui noi tutti soci viviamo è composta da silenzi, segreti, ipocrisie, lotte di potere in perenne contrasto, la nostra collettività vuole essere una società di dialogo franchezza e di rispetto dell’altro.

 

Giovannone ( Fondatore H-DIC )

error: Il contenuto è protetto !!